Tajarin al tartufo nero! che fameee!



400 g di farina, ad es. semola di grano duro o farina bianca
2 uova 2 tuorli
1 cucchiaio d’olio d’oliva
sale qb
farina per spianare la pasta
80 g di burro tartufo bianco o nero, quantità a piacere

1. Per la pasta, versate la farina a fontana sul piano di lavoro. Sbattete le uova con i tuorli e versateli al centro della fontana con l’olio e una presa di sale. Impastate prima con una forchetta, poi con le mani per ca. 10 minuti, fino a ottenere una massa liscia ed elastica. Lasciate riposare per ca. 10 minuti.

2. Dividete la pasta in quattro e spianatela su poca farina o con l’apposita macchina per pasta in una sfoglia di 1,5-2 mm. Infarinate le strisce di pasta e con un coltello affilato ritagliate striscioline di ca. 1,5-2 mm. Fate asciugare la pasta ben stesa su un tovagliolo infa­rinato per almeno 2 ore.

3. Per ultimare, sfregate il tartufo con una spazzolina sotto l’acqua fredda, eliminate i resti di terra e asciugatelo. Lessate i tajarin in acqua salata bollente per ca. 2 minuti. Scolate e fate sgocciolare. Fate fondere il burro in un tegame bello ampio. Fate saltare i tajarin nel burro. Servite la pasta e completate con lamette di tartufo. Gustate subito.

fonte:saison.ch