COME FARE LE Alici marinate

 

Ingredienti

 Preparazione


alici_aperte_ric.jpg
La prima operazione, purtroppo un po' noiosa, è quella di pulire bene le alici, squamandole (dove fosse necessario) con un coltello, eliminando dapprima la testa, per poi passare ad aprirle lungo il ventre a mo' di libro, per poterle successivamente diliscare e pulirle dalle interiora, ottenendo così i filetti; marinata_ric.jpgdovreste evitare però di dividere le due metà del pesce.

Nel frattempo emulsionate in una tazzina l’olio, l’aceto e il succo dei limoni aggiungendo un pizzico di sale, il pepe, l’aglio e il prezzemolo tritati finemente.

acciughe2_ric.jpgIn un recipiente mettete un primo strato di marinatura , ed adagiatevi il primo strato di alici , facendo molta attenzione a non romperle; proseguite così fino al termine.
Lasciate macerare almeno 5 ore prima di servire.





■ Consiglio


limone_succo1_ric.jpg
Le alici marinate possono essere preparate sia con il limone che con l'aceto oppure come nella nostra ricetta da un miscuglio dei due. In entrambi i casi la cottura dei filetti di alici (la marinatura) avviene per contatto con il liquido.
Con il limone sono sufficienti 3 o 4 ore di marinatura mentre con l'aceto bisogna considerare almeno 12 ore.
aceto_olio_ric.jpgPer rendere più appetitosa e colorata la preparazione è aggiungere nella marinatura una mezza carota tritata finemente.
Per chi non gradisce troppo il forte sapore del limone o dell’aceto è possibile metterle a marinare solo in questi ingredienti, dopodichè trascorso il tempo necessario si può buttare il liquido della marinatura e condirle con i rimanenti ingredienti.
Questo gustoso antipasto può essere servito accompagnato con delle fette di pane casereccio tostate.

■ Curiosita'


alici_marinate_ric.jpg
La marinatura è un procedimento di cottura delle carni che avviene mediante l’immersione del cibo nel liquido di marinatura.
A causa degli acidi , che provvedono alla cottura delle carni, è assolutamente indispensabile che per questo procedimento non vengano usati contenitori di alluminio o rame che rilascerebbero sostanze velenose; molto meglio preferire contenitori di plastica, vetro, o ceramica.